CESARO MAC IMPORT Natural Attitude
CAMEC 2022
Rodeo Case 2015: i vincitori

Rodeo Case 2015: i vincitori

Per il secondo anno consecutivo, il finlandese Janne Ensio Leppånen si è aggiudicato il titolo di Campione assoluto alla finale del Rodeo Case 2015, la competizione che ogni anno vede affrontarsi i migliori operatori di macchine movimento terra d’Europa.

Leppånen, che manterrà il titolo per un altro anno si è aggiudicato il viaggio premio per Chicago e la visita al famoso Case Tomahawk Customer Center nello Stato del Wisconsin, USA, che condivide con Case il Simbolo dell’Aquila.

L’evento si è svolto dal 16 al 18 ottobreal Case Customer Centre di Monthyon, vicino a Parigi. Leppånen è risultato vincitore assoluto su 43 operatori altamente specializzati provenienti da 18 paesi. Al Regno Unito il premio come miglior squadra grazie agli eccellenti risultati dei suoi operatori. Tutti i finalisti si erano qualificati grazie alla vittoria di una tappa dei Rodei nazionali.

Grande agonismo in un clima amichevole e festoso, coronato da una splendida serata di gala all’Abbazia di Royaumont.

I migliori operatori entrano nell’arena

I finalisti hanno trascorso la prima giornata al Case Customer Centre per familiarizzare con le gare da affrontare il giorno dopo. Quattro le gare previste (i cui nomi accostavano nomi di capi indiani al tipo di macchina):

-“Wild Wheels (Gomme ‘selvagge’)”, con il trasporto di un bancale attraverso un percorso a slalom guidando una pala gommata compatta 321F (nel cui nome in Inglese, CWL o Compact Wheel Loader, si allude appunto alle gomme). Il bancale doveva essere poi posizionato in senso verticale su un altro bancale per creare il logo Case. Vincitore della prova il danese Bendt Risom, seguito dallo sloveno Primoz Erjavek e dall’austriaco Norbert Kessler.

- “Lawless Loader (Pala ‘alla macchia’). Protagonista una minipala compatta cingolata TR270 con benna piena d’acqua e papere galleggianti, con la quale gli operatori dovevano attraversare uno slalom tra coni e superare una superficie in salita nel minor tempo possibile e senza perdere il carico. Janne Leppånen ha vinto la gara seguito dal britannico Richard Christian e dal tedesco Marc Abresch.

- “ Cherokee Crawler (Escavatore Cherokee)”. Scopo della gara: inserire un perno legato alla benna di un escavatore cingolato CX210D in quattro piccolo tubi. E’ risultato vincitore il francese Maxime Bruetschy; secondo classificato il polacco Krzysztof Stachecki e terzo il danese Thomas Kristensen.

 - “Big Thunder Backhoe (La terna “Grande tuono”), ha avuto come protagonista una terna 695ST con la quale gli operatori dovevano prelevare cinque palle da basket e andare a canestro. Vincitore della gara, il britannico James Binks che ha segnato cinque canestri nel minor tempo. Secondo e terzo posto allo svedese Janne Hirsikangas e al norvegese Alf Taskdal.

La giornata di gare si è chiusa con una sfida in sella al toro meccanico, vinta dall’operatore svedese Niklas Rydholm che ha resistito più di tutti. Il secondo posto è andato al danese Bendt Risom.

La gara che è più di una gara

L'atmosfera del lungo weekend parigino è stata piena di entusiasmo e allegria.

La mattina del 17 ottobre, mentre gli operatori si stavano riscaldando per la finale, la stampa di settore ha visitato la celebre scuola di equitazione di Mario Luraschi, fantino e stuntman francese nonché addestratore di cavalli rinomato in tutto il mondo per la sua partecipazione ad oltre 400 film e per i suoi spettacoli internazionali.

La serata di Gala si è svolta nella splendida Abbazia di Royaumont. Costruita tra il 1228 e 1235 da Luigi IX (Re di Francia, successivamente canonizzato come San Luigi), l’abbazia è una perla dell’architettura gotica e il monastero cistercense meglio conservato della regione dell’Île-de-France.

Ad accogliere gli invitati l’atmosfera chic e suggestiva del luogo mescolata alle decorazioni ispirate alle vecchie fattorie del Far West. Dopo un aperitivo nelle vecchie cucine del Monastero, gli invitati hanno partecipato alla Cerimonia di Premiazione che si è svolta nell’antico Refettorio. É seguita poi una cena con accompagnamento musicale di una Country band.

Giampiero Biglia, Direttore Marketing di CNH Industrial Construction Equipment per Europa, Africa e Medio Oriente ha dato il benvenuto agli ospiti sottolineando l’importanza per il team di Case di condividere questa esperienza assieme ai clienti.

I migliori operatori di ogni gara sono stati chiamati sul palco per la premiazione. I tre operatori della squadra inglese hanno ricevuto il premio come Miglior Squadra. Il pubblico ha poi accolto con un lungo applauso il campione assoluto del Rodeo Case 2015, Janne Leppånen. Alla cerimonia di premiazione è seguita la cena di gala.

Un successo che cresce anno dopo anno

Anche quest’anno il Rodeo Case ha confermato il suo gradimento presso operatori, clienti e concessionari. Iniziato a marzo a Enns, in Austria, ha percorso ben 30 tappe europee. L’ultima è stata organizzata dal concessionario di Roma, Romana Diesel, durante l’October Truck Fest.

“Grandi operatori e grandi macchine, una competizione altamente tecnica e tanto divertimento; questi sono gli ingredienti del successo crescente del  Rodeo Case” ha affermato Biglia. “Ogni giorno gli operatori devono dimostrare la propria abilità in cantiere. Calano tubi in trincee strette, manovrano macchine attraverso ostacoli ed eseguono scavi di precisione millimetrica. Il Rodeo Case dà loro una possibilità unica per dimostrare le proprie abilità in un contesto divertente e agonistico. Quest’anno i premi sono stati distribuiti tra tanti operatori di paesi diversi, un risultato importante, che conferma la bravura degli operatori del nostro continente.”


Tomra autosort flake 2022