Nuove soluzioni per la selezione in mostra al TOMRA Test Center

Nuove soluzioni per la selezione in mostra al TOMRA Test Center

Due giorni di dimostrazioni sulla selezione e il recycling e di convegni sull’economia circolare in occasione del TOMRA Global Conference 2017.

Pubblico selezionato per le grandi occasioni: sono arrivati da tutto il mondo i fortunati che hanno partecipato alla TOMRA Global Conference 2017 che quest'anno si è tenuta a Coblenza e a Mülheim-Kärlich presso il TOMRA Sorting Recycling Test Center.

Il centro TOMRA per i test sui materiali da recuperare

Il centro TOMRA destinato alla ricerca e alle prove è un gioiello di tecnologia in cui è possibile vedere lo svolgimento in contemporanea di diversi processi di selezione, riproducendo fedelmente l’ambiente operativo di un vero impianto di riciclaggio. Il Test Center di Mülheim-Kärlich, in Germania è uno dei 15 centri dell'azienda distribuiti a livello mondiale.

Una delle due principali innovazioni tecniche mostrate nel Test Center, AUTOSORT LASER, è una macchina a sensori che utilizza la tecnologia laser. I partecipanti al congresso hanno potuto vedere come la tecnologia di selezione LASER a infrarossi (NIR) assicura un’elevata resa del prodotto e rende possibile separare il vetro dai polimeri trasparenti che vengono usati sempre di più nell’industria cosmetica e negli articoli come siringhe, accendini e biberon.

L'altra importante innovazione tecnica, l'uso combinato delle macchine AUTOSORT e AUTOSORT BLACK, ha reso possibile recuperare preziosi polimeri neri dal materiale d’imballaggio. Mentre la tecnologia di selezione a sensori basata su NIR non è in grado di individuare o differenziare tra le plastiche nere, la selezionatrice BLACK può selezionare diversi polimeri neri come PE, PP, PET e stirene. Per consentire il processo, la macchina AUTOSORT prima recupera i preziosi materiali in plastica nera, che sono solitamente parte del flusso di rifiuti, per creare un singolo flusso nero.

Un'altra macchina per il riciclaggio della plastica, l’AUTOSORT FLAKE, ha tenuto una dimostrazione nel Test Center di TOMRA. Abbinando l’individuazione del colore ad altre informazioni più dettagliate per classificare simultaneamente in base a colore e materiale, la macchina consente una selezione ancor più precisa in un mercato che richiede una resa di prodotto di grande purezza con plastiche rPET (polietilene tereftalato riciclato). FLAKE, come LASER, impiega la tecnologia brevettata di TOMRA ”FLYING BEAM” abbinata alla tecnologia FOURLINE, che vanta l’infrarosso NIR a risoluzione più elevata (quasi 1mm) disponibile sul mercato della selezione.

Per quanto riguarda la selezione dei metalli, le dimostrazioni delle macchine X-TRACT e COMBISENSE hanno illustrato come la combinazione di diverse tecnologie a sensori possa rendere la selezione e la successiva commercializzazione di “zorba” (rottami di metallo non ferroso frantumati) più redditizia. La “zorba” passa sotto un’unità a raggi X per separare l’alluminio dai metalli pesanti; X-TRACT lavora con una precisione così elevata che può ottenere alluminio puro al 98-99%. Dal resto dei metalli pesanti, COMBISENSE seleziona poi i frammenti di valore, come rame, ottone e metalli grigi.

In un’altra dimostrazione al Test Center, TOMRA ha spiegato la sua tecnologia di selezione con spettroscopia laser LIBS (laser-induced breakdown spectroscopy). Grazie a un laser, che può controllare l’intera ampiezza del nastro, è possibile evitare la separazione dei materiali in linee individuali, costosa e complessa. Questo consente di classificare e selezionare diverse leghe di alluminio con livelli di efficienza senza precedenti, ottenendo una purezza del 99% (o superiore) con produzioni molto elevate (tre/sette tonnellate l’ora).

Le tecnologie a sensori utilizzate da TOMRA Sorting Recycling per l’individuazione di frazioni pure e pregiate sono:

  • NIR: I sensori NIR riconoscono i materiali in base al fatto che, se illuminati, la maggior parte di essi riflettono la luce nello spettro di lunghezza d’onda del “vicino infrarosso” (NIR) mostrando le loro proprietà esclusive.
  • VIS: I sensori VIS (spettrometria di luce visibile) riconoscono tutti i colori nello spettro visibile in caso di oggetti trasparenti e opachi. Differenziano quindi tra colori simili in maniera accurata e sono più affidabili degli occhi umani.
  • EM: I sensori per metalli riconoscono conduttività e permeabilità; non solo differenziano il materiale in base alle proprietà elettromagnetiche (EM) ma separano i metalli dai non metalli e recuperano composti metallici e di acciaio inossidabile.
  • RGB/COLORI: Per la selezione speciale di frazioni pure e preziose, le macchine a colori RGB possono identificare i materiali sulla base delle loro proprietà davanti a rosso, verde e blu. Le macchine fotografiche vanno oltre allo spettro visibile e comprendono gli spettri ultravioletto, infrarosso ed altri.
  • Raggi X: La tecnologia a raggi X (XRT) consente di riconoscere e separare tutti i materiali in base alla loro densità atomica. Consente la classificazione di materiali di elevate purezza, indipendentemente dalla loro dimensione, umidità o livello di inquinamento. La fluorescenza a raggi-X (XRF) analizza i materiali in base alla loro composizione elementare.

Link

SUM 2018