I vincitori del Premio Sviluppo Sostenibile 2017

Il premio, promosso da Fondazione Sviluppo Sostenibile e da Ecomondo, attribuisce un riconoscimento a quelle aziende che hanno saputo coniugare qualità ambientale e competitività industriale.

I vincitori del Premio Sviluppo Sostenibile 2017

Giunto alla nona edizione, il premio è un riconoscimento per la green economy “made in Italy”. Come ogni anno il premio è stato conferito alle imprese che si siano particolarmente contraddistinte per attività e impianti che generino rilevanti benefici ambientali, abbiano un contenuto innovativo, positivi effetti economici e occupazionali ed abbiano un potenziale di diffusione. “Fino ad oggi – ha detto Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile- sono oltre 1.300 le aziende grandi, medie e piccole che hanno partecipato al premio a testimoniare che è possibile fare impresa puntando su finalità di valore sociale e ambientale”.

Le tre le aziende che hanno vinto il Primo Premio, ciascuna in uno dei tre settori in concorso, Economia circolare, Tutela e gestione delle acque, Mobilità sostenibile sono la 3C Filati di Prato, il Consorzio di Bonifica Acque Risorgive di Venezia e l’Enel. Accanto ai Primi Premi, altre 27 aziende, 9 aziende per settore, sono risultate le migliori nella loro categoria.

La giuria del Premio, è composta da: Edo Ronchi, Silvia Zamboni, Enrico Rolle, Massimo Ciuffini, Alessandra Astolfi.

Ecco le tre aziende vincitrici del Premio Sviluppo Sostenibile 2017:

-Economia circolare: 3C Filati Srl (Prato) per la produzione di filati cardati di lana e misto lana riciclata, che può arrivare anche al 100% di fibre da riciclo, rispondente ad alti standard di qualità e, in particolare, per l’approccio innovativo della cernita dei tessuti da riciclare in base all’affinità con le tonalità di colore desiderate.  La selezione per lotti cromatici consente di evitare trattamenti di colorazione, con conseguenti risparmi idrici ed energetici, oltre che di sostanze chimiche per la tintura. Di rilievo è anche il controllo della filiera di provenienza, per evitare materiali trattati con sostanze pericolose. La filiera di lana riciclata di qualità ecologica è un buon esempio di economia circolare, di grande importanza in Italia dove il mercato dei filati di alta gamma è strategico per il settore tessile e per quello della moda.

-Tutela e gestione delle acque: Consorzio di Bonifica Acque Risorgive (Venezia) per la riqualificazione del reticolo idrografico del bacino della Laguna di Venezia attraverso la valorizzazione, integrata, di processi naturali di fitodepurazione, di salvaguardia ed espansione delle zone umide e della biodiversità, nonché di messa in sicurezza del territorio dai rischi di alluvioni. Tra gli interventi pevisti la rimozione dei rivestimenti in calcestruzzo e la ricalibratura degli alvei, l’allargamento delle sezioni e la riduzione delle pendenze delle sponde che consentono di avere maggiori varietà di specie vegetali e un maggiore contatto delle acque con la vegetazione, a vantaggio della fitodepurazione;-la creazione di zone umide lungo il reticolo idrografico che possono costituire aree di espansione; la creazione di piccoli boschi e di filari igrofili che, in contatto con le acque limitano l’apporto di azoto e fosforo in Laguna e possono funzionare da casse di espansione delle piene.

-Mobilità sostenibile: Enel spa (Roma) per la realizzazione di un’infrastruttura innovativa - la colonnina V2G - che consente la ricarica bidirezionale – dalla rete al veicolo e dal veicolo alla rete - delle auto elettriche. Consente cioè di utilizzare l’auto come mezzo di accumulo di energia elettrica e non solo come utilizzatore, tenendo conto che la produzione di elettricità da fonte rinnovabile è discontinua. Se ne viene prodotta in eccesso può essere accumulata dalle auto e poi restituita alla rete negli orari di minore produzione. Inoltre si possono caricare le batterie nelle fasce orarie con le tariffe più basse e poi usare l’elettricità accumulata in altri impieghi. Questa innovazione può avere grande influenza nella diffusione delle auto elettriche e favorire la generazione di energia rinnovabile nelle città. Le colonnine V2G, pur recenti e in numero limitato, hanno una potenzialità di diffusione promettente e verificata dalle installazioni in Italia, Danimarca, Regno Unito, Germania, Olanda, Francia e Spagna.

Per ogni categoria del premio altre 27 imprese sono risultate le migliori nella loro categoria. A tutte le Imprese, nel corso della cerimonia di premiazione, è stata consegnata una targa di riconoscimento. Eccole: 

Economia Circolare:

  • Advanced Polymer Materials per la produzione di reti estruse con l'utilizzo di materiali polimerici rinnovabili, utilizzate per imballaggi alimentari biodegradabili e compostabili.
  • CASADEI PALLETS per il modello di gestione “ETERNITY”  di  riutilizzo degli imballaggi in legno e degli scarti di lavorazione, applicato alla filiera del pallet.
  • Ecoplan - Revet Recycling srl per la realizzazione del  progetto TENIAMO BANCO che introduce negli  arredi scolastici –a partire dai banchi - piani in ECOMATERIALE riciclato con un'innovativa miscela costituita da granulo prodotto dal riciclo degli imballaggi in plastica  mista e dal polverino di sansa esausta.
  • EVERGREEN RECYCLE di Adria per aver installato, nel territorio comunale di Feltre, un raccoglitore incentivante per la raccolta differenziata di alcuni rifiuti "Ecomodulo 120 touch me”. 
  • GM-GreenMethane, una start-up, che realizza impianti “chiavi in mano” con un servizio per la gestione e la manutenzione, di upgrading del biogas per la produzione di biometano. 
  • Irigom Srl per l'utilizzo del polverino di gomma, prodotto col riciclo di pneumatici  fuori Uso per la produzione di conglomerati bituminosi.
  • Iterchimica S.r.L per la produzione di Iterlene ACF 1000 HP Green, un additivo innovativo che permette di produrre nuovo asfalto riciclando quello proveniente dalla rimozione delle pavimentazioni esistenti.
  • ROELMI HPC per la produzione di Celus-Bi® ESTERS: una nuova linea di ingredienti cosmetici  prodotti, con un  processo di chimica verde.
  • Saint-Gobain per la realizzazione del progetto Gy.eco: un sistema di riciclo dei rifiuti a base di gesso  provenienti da costruzioni e demolizioni, attraverso l’utilizzo di una tecnologia innovativa.

Tutela e gestione delle acque:

  • Castalia Operations S.r.l. per avere progettato e sperimentato un sistema di barriere galleggianti da installare nei fiumi per trattenere e raccogliere le plastiche
  • CONSORZIO DELLA BONIFICA BURANA per avere realizzato e gestito una infrastruttura verde utilizzando una cassa di espansione nel bacino del fiume Panaro.
  • Eisacwerk S.r.l. per gli interventi realizzati in un impianto idroelettrico sul fiume Talvera (Bz) che consentono di  limitare gli effetti negativi della rimozione dei sedimenti  e dei picchi di portata.
  • Ingegnerie Toscane per la produzione di un innovativo sensore di flusso -il WET NET  che valuta i consumi idrici,l e pressioni in rete e l’ entità delle perdite.
  • Italcementi Per lo sviluppo di i.idro DRAIN, una innovativa pavimentazione drenante di caratteristiche cementizie, che presenta importanti vantaggi rispetto a quelle tradizionali con asfalto, come la diminuzione dell’effetto “isola di calore”.
  • IRIDRA S.r.L. per il Parco dell'acqua di Gorla Maggiore che assicura la fitodepurazione delle acque di sfioro delle fognature che recapitano nel fiume Olona.
  • SMAT- Società Metropolitana Acque Torino - S.p.A. per la realizzazione di un sistema di lagunaggio delle acque del Po destinate al consumo umano, con rinaturalizzazione del sistema fluviale. 
  • STORMWATER ITALIA S.r.L. per  la produzione del nuovo sistema SWERM03 per il monitoraggio e la gestione delle acque meteoriche.
  • SYSTEA S.p.A.  per la produzione di una sonda per misure in situ - WIZ quattro parametri in acque superficiali.

Mobilità sostenibile:

  • ATB Azienda Trasporti Bergamo per l’innovativa linea di trasporto pubblico, totalmente elettrica alimentata da batterie.
  • BRESCIA MOBILITÀ S.p. A per l’innovativo sistema integrato funzionale di mobilità ciclabile di bike sharing, Bicimia.
  • CS Group Spa - Share’ngo per l’attivazione del primo servizio  di car  sharing, elettrico, e flusso libero e con prenotazione tramite smartphone, pc o tablet.
  • eCooltra Scootersharing Italia S.R-L per il servizio di scooter-sharing  a flusso libero libero totalmente elettrico.
  • Grendi Trasporti Marittimi S.p.A per le tecnologie innovative di movimentazione portuale che consentono di ottimizzare sia le unità di carico sia le operazioni di carico e scarico della nave, nonché di ottimizzare il percorso con risparmio di energia e CO2.
  • H2 South Tyrol by IIT- Istituto per Innovazioni Tecnologiche per la realizzazione di un impianto per la produzione di idrogeno da fonti rinnovabili, la realizzazione di una stazione di rifornimento.
  • Jojob per la realizzazione di un sistema di  carpooling aziendale che si  compone di due strumenti: un sito e un’app. 
  • LC3 Trasporti per la realizzazione del progetto B.E.S.T. che punta a ridurre gli impatti ambientali del trasporto pesante delle merci su gomma. di risparmiare energia e quindi anche emissioni sia locali sia di CO2, con notevoli vantaggi ambientali.
  • Trenitalia S.p.A. per la gara e per l’acquisto di 450 treni elettrici dedicati al trasporto regionale (di cui 300 ad alta capacità e 150 a media capacità) con elevate prestazioni di efficienza e risparmio energetici.  

SUM 2018