VTN Europe. A different way

Più riciclaggio e meno smaltimento in discarica in Unione Europea

I nuovi obiettivi di riciclaggio dell'UE sono molto ambiziosi e si riscontrano molte disparità tra i Paesi membri.

Più riciclaggio e meno smaltimento in discarica in Unione Europea

In estrema sintesi le principali novità riguardano:

  • La quota di rifiuti urbani da riciclare passerà dall'attuale 44% al 55% nel 2025, fino al 65% nel 2035.
  • Entro il 2035 non più del 10% dei rifiuti potrà essere smaltito nelle discariche (Italia è al 28% per il 2016).
  • Raccolta differenziata anche per i rifiuti tessili o pericolosi.

Migliorare la gestione dei rifiuti può portare benefici all'ambiente, al clima e alla salute, ma non solo. Il pacchetto legislativo dell'Unione Europea, composto da quattro atti, mira a promuovere la cosiddetta economia circolare.

Entro il 2025, almeno il 55% dei rifiuti urbani domestici e commerciali dovrebbe essere riciclato, si legge nel testo. L'obiettivo salirà al 60% nel 2030 e al 65% nel 2035. Il 65% dei materiali di imballaggio dovrà essere riciclato entro il 2025 e il 70% entro il 2030. Vengono fissati inoltre degli obiettivi distinti per materiali di imballaggio specifici, come carta e cartone, plastica, vetro metallo e legno.

Sono 497 i chili di rifiuti pro capite prodotti dall'Italia nel 2016, di cui il 27,64% è messo in discariche, il 50,55% viene riciclato o compostato e il 21,81% incenerito.

Smaltimento in discarica sarà un'eccezione

La proposta di legge limita inoltre la quota di rifiuti urbani da smaltire in discarica a un massimo del 10% entro il 2035. Nel 2014, Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Olanda e Svezia non hanno inviato praticamente alcun rifiuto in discarica, mentre Cipro, Croazia, Grecia, Lettonia e Malta hanno interrato più di tre quarti dei loro rifiuti urbani.

L’Italia nel 2016 ha smaltito in discarica 26,9 milioni di tonnellate di rifiuti, circa 123 chili pro capite che corrispondono al 27,64% della quota di rifiuti prodotti.

Raccolta differenziata di rifiuti tessili o pericolosi

I prodotti tessili e i rifiuti pericolosi provenienti dai nuclei domestici dovranno essere raccolti separatamente entro il 2025, così come i rifiuti biodegradabili che potranno essere riciclati anche direttamente nelle case attraverso il compostaggio.

Ridurre gli sprechi alimentari del 50%

In linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, gli Stati membri dovrebbero ridurre gli sprechi alimentari del 30% entro il 2025 e del 50% entro il 2030. Al fine di prevenire lo spreco di alimenti, i Paesi UE dovrebbero incentivare la raccolta dei prodotti invenduti e la loro ridistribuzione in condizioni di sicurezza. 


VENICE 2018