Camec
NLMK Acciaio Quard

Nuovi bio-lubrificanti dal recupero di grassi residui

Tecnologie bio-based per la transizione energetica: da Maire Tecnimont una innovazione green per la sostenibilità del trasporto navale e aereo.

Nuovi bio-lubrificanti dal recupero di grassi residui

NextChem, la società del Gruppo Maire Tecnimont dedicata alla Transizione Energetica, realizzerà per So.G.I.S. un impianto per trasformare grassi residui in acido oleico, un intermedio utilizzato per la produzione di lubrificanti di origine non fossile, biodegradabili, biocompatibili e sicuri, una soluzione sostenibile per il settore del trasporto navale e per quello aereo, grazie alle altissime prestazioni fluidodinamiche a basse e bassissime temperature che ne permettono l’utilizzo in condizioni ambientali severe. Un settore in grande espansione con una domanda crescente.
La transizione energetica “prende il volo”, in questo caso di nome e di fatto. NextChem, la controllata di Maire Tecnimont dedicata alle tecnologie per la transizione energetica, avvia il progetto con la società So.G.I.S. per il recupero di grassi residui per la produzione di acido oleico, un intermedio utilizzato per la produzione di bio-lubrificanti, particolarmente adatti per l’utilizzo nel settore del trasporto navale grazie alla loro biodegradabilità e biocompatibilità, e per l’impiego in condizioni ambientali severe, come nel caso dei sistemi aeronautici, grazie alle loro prestazioni fluidodinamiche a basse e bassissime temperature.
I bio-lubrificanti, oltre a contribuire alla riduzione dell’impronta di carbonio in quanto di origine non fossile, hanno performance chimico-fisiche distintive rispetto ai lubrificanti tradizionali, che ne favoriscono una alta diffusione. Il mercato globale dei bio-lubrificanti è in crescita (si stima che raggiunga un valore di 3,6 miliardi di dollari entro il 2025, dai 2,4 del 2017, con un tasso di crescita annuo del 6,9%; Data Bridge Market Research, 2019) grazie alle grandi potenzialità di applicazione nei settori del trasporto aereo e marittimo, anche tenendo conto dell’evoluzione delle normative ambientali. 

L’accordo NextChem – So.G.I.S. concerne la fornitura di servizi di ingegneria e di procurement di apparecchiature da parte di NextChem per l’implementazione di una unità produttiva di So.G.I.S. nel Comune di Sospiro, in provincia di Cremona, per la produzione di acido oleico a partire da grassi residui, attraverso un processo di frazionamento degli acidi grassi a umido. La linea di produzione, con una capacità di 60 tonnellate/giorno, andrà ad integrare i processi produttivi di So.G.I.S.
“Siamo soddisfatti del percorso fatto insieme a NextChem e contenti di avviare questa collaborazione, che si va ad aggiungere ad altre già in essere, sempre nel settore delle tecnologie green” dichiara il Direttore Generale di So.G.I.S., Riccardo Alquati. “Questo per noi è un passo avanti verso la sostenibilità in un’ottica di miglioramento delle performance dei nostri prodotti”.
“NextChem sta investendo in tecnologie e ricerca con l’obiettivo di implementare a livello industriale processi di produzione di bio-chemicals e bio-fuels a partire da materie prime rinnovabili” dichiara Pierroberto Folgiero, Amministratore Delegato del Gruppo Maire Tecnimont e AD di NextChem. “In parallelo siamo impegnati anche nelle aree di Energy Efficiency and Emission Reduction (decarbonizzazione) e della Circular Economy. Vogliamo mettere l’esperienza del Gruppo Maire Tecnimont al servizio dell’industria, per la transizione energetica. Questo accordo con So.G.I.S. è un brillante esempio per portare innovazione sostenibile in un settore downstream, quello dei bio-lubrificanti, in cui c’è grande domanda e disponibilità limitata”.

LEGGI ANCHE: MYREPLAST INDUSTRIES, L'IMPIANTO PER IL RICICLAGGIO DELLA PLASTICA CON UN'EFFICIENZA DI RICICLO DEL 95%


Ecomondo 2019