Camec

Aggiudicata la gara per i rifiuti della provincia di Ravenna e per i comuni di Cesena

Dopo una lunga e complessa procedura di gara europea, il raggruppamento temporaneo d’impresa composto da Hera S.p.A. Holding Energia Risorse Ambiente - Consorzio Formula Ambiente Società Cooperativa - Ciclat Trasporti Ambiente Società Cooperativa, si aggiudica la gara per lo svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati nel bacino di Ravenna e Cesena della durata di quindici anni per un importo pari a Euro 1.195.959.707,64. Ad annunciarlo e a trasmettere il provvedimento agli uffici di competenza, è il direttore di ATERSIR, Vito Belladonna.

Aggiudicata la gara per i rifiuti della provincia di Ravenna e per i comuni di Cesena

“E’ un traguardo importantissimo, che ha impegnato la struttura della nostra Agenzia, per un lungo tempo, ben oltre le previsioni, per effetto di una situazione complessa e di norme e giurisprudenza che si sono modificate e sono tuttora in continua evoluzione. Così possiamo lasciarci alle spalle anni durante i quali la gestione dei rifiuti è stata comunque garantita con standard elevati, ma in una situazione di proroga non sostenibile ulteriormente. Ci sono voluti anni anche per tenere assieme nel modo migliore possibile la dimensione tecnica, presidiata dalla struttura di Atersir, con la condivisione più ampia possibile con i sindaci e i comuni, vista l’importanza di questi servizi per la vita delle comunità di cittadini da essi rappresentati; ora siamo contenti che l’iter sia stato completato con successo”.

Le tappe principali che hanno portato al risultato odierno iniziano con l’individuazione del bacino, che include la provincia di Ravenna aggregata al bacino del distretto cesenate comprendente i Comuni di Bagno di Romagna, Borghi, Cesena, Cesenatico, Gambettola, Gatteo, Longiano, Mercato Saraceno, Montiano, Premilcuore, Roncofreddo, S. Mauro Pascoli, S. Sofia, Sarsina, Savignano sul R., Sogliano al R. e Verghereto e con la scelta da parte dei comuni  di scegliere come modalità di affidamento quella della gara europea e quindi della competizione fra soggetti nel mercato Successivamente, nel 2017, viene nominato il responsabile ATERSIR della procedura di gara per l’affidamento in concessione del servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati, ruolo molto importante in queste procedure, svolto dal dirigente dell’Area Rifiuti di ATERSIR Stefano Rubboli.

Nello stesso anno sono stati approvati gli atti della procedura di gara aperta, comprensiva del Bando, dello schema di Contratto di Servizio, nonché degli ulteriori documenti. La scelta del contraente è avvenuta secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

Fatte tutte le  verifiche tecniche ed amministrative ha quindi lavorato una Commissione giudicatrice altamente qualificata e indipendente che ha valutato l’offerta tecnica ed economica dell’unico concorrente che ha partecipato alla procedura; da qui l’attività successiva che si è conclusa  con l’aggiudicazione  del contratto di concessione per lo svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati nel bacino di Ravenna e Cesena (CIG 72590082E7) per un importo pari a Euro 1.195.959.707,64; all’operatore economico costituito in RTI da Hera S.p.A. Holding Energia Risorse Ambiente (capogruppo-mandataria) - Consorzio Formula Ambiente Società Cooperativa - Ciclat Trasporti Ambiente Società Cooperativa .

 “Quella di oggi – commenta la Presidente di ATERSIR e Assessora alla Sostenibilità ambientale del Comune di Cesena Francesca Lucchi – è una tappa fondamentale e strategica per i territori del ravennate e cesenate, trattandosi della gestione di un servizio che coinvolge 35 comuni e oltre 600.000 abitanti. Il percorso che ha portato all’aggiudicazione della gara è stato lungo, caratterizzato da normative nazionali in evoluzione, ma soprattutto dalla volontà dei territori di raggiungere obiettivi condivisi. In tutto questo, il ruolo, le competenze e l’impegno dell’Agenzia sono stati basilari, andando ad affidare un servizio complesso, sia come dimensione territoriale, che come risorse in gioco, il primo in Emilia Romagna e uno dei pochi in Italia. Ora siamo contenti che l’iter sia stato completato con successo e sia possibile avviare una fase rinnovata sul capitolo della gestione dei rifiuti in tutti i comuni coinvolti”.


HARDOX SSAB