Camec
Le soluzioni Forrec per il corretto smaltimento degli pneumatici

Le soluzioni Forrec per il corretto smaltimento degli pneumatici

Risposte efficaci al problema del riciclaggio degli pneumatici per ottenere materia prima secondaria da poter reimpiegare in diversi ambiti.

In tema di trattamento dei rifiuti industriali speciali, oggi ci si ritrova sempre più spesso ad affrontare la questione dello smaltimento degli pneumatici fuori uso (PFU). Infatti, a differenza dell’Italia, dove la gestione di questo rifiuto speciale è regolamentata dal consorzio Ecopneus, altri paesi del mondo non sono ancora attrezzati e organizzati per trattarlo correttamente. La conseguenza è la presenza di aree vastissime adibite a raccolta di PFU, che aumentano il rischio di diffusione di malattie, a causa della massiccia presenza di insetti, e di sviluppo di incendi difficilmente estinguibili.

Sin dall’inizio della propria attività, Forrec propone soluzioni attente ed efficaci al problema del riciclaggio degli pneumatici, consentendo di ottenere - a partire dallo pneumatico fuori uso - materia prima secondaria in diverse granulometrie, con la contemporanea separazione di acciaio e fibra tessile.

Il ciclo produttivo Forrec per il trattamento degli pneumatici

La prima fase del processo prevede l’estrazione dell’anello in acciaio presente negli pneumatici, che viene poi stoccato attraverso diversi stadi di separazione magnetica. Successivamente il materiale viene triturato e ridotto in pezzatura fino a raggiungere una granulometria uniforme da 0 a 4 mm.

L’impianto è dotato di un sistema di pulizia articolato in più fasi che garantisce la completa separazione della fibra tessile, così da ottenere un prodotto granulato puro al 99%. Inoltre, un avanzato sistema di aspirazione, supportato da filtri e misure antincendio, permette il controllo delle polveri nel rispetto delle vigenti normative in materia di emissioni e sicurezza. Con queste modalità, è possibile trattare fino a 5 ton/h di materiale in ingresso con ridotti consumi e costi di gestione.

Oltre alla linea completa, Forrec ha recentemente studiato e sviluppato il progetto per un trituratore primario in grado di ottenere un prodotto di dimensioni variabili dai 50 agli 80 mm (ciabattato). La macchina è dotata di un sistema “taglio pulito” per risolvere il problema dello sfilacciamento del filo di acciaio contenuto nella gomma dello pneumatico. Il prodotto derivato dalla triturazione con questo speciale bi-albero ha una qualità tale da essere richiesto in grandi quantità dai cementifici come combustibile, il cosiddetto “tyres derived fuel”. Il progetto è stato accolto con interesse dal mercato ed a breve saranno messe in funzione le prime due macchine, rispettivamente in Italia e negli Emirati Arabi.

Anche se, nonostante il periodo storico particolarmente attento all’ambiente, lo smaltimento degli pneumatici è ancora di difficile gestione, Forrec ha dimostrato che è possibile trovare delle soluzioni concrete, anche grazie al continuo investimento in ricerca e innovazione.


HARDOX SSAB