Climate Change Performance Index 2020 intravede opportunità di svolta

Climate Change Performance Index 2020 rileva una diminuzione delle emissioni in 31 dei 57 paesi ad alta emissione e un calo del consumo globale di carbone.

Climate Change Performance Index 2020 intravede opportunità di svolta

Il Climate Change Performance Index (CCPI), realizzato da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network (CAN), è stato presentato al vertice sul clima di Madrid.

Australia, Arabia Saudita e in particolare gli Stati Uniti destano grande preoccupazione per le loro prestazioni “da basse a molto basse” in termini di emissioni, sviluppo di energia rinnovabile, nonché per le condizioni climatiche. Con questi tre governi fortemente influenzati dalla lobby del carbone e del petrolio, non ci sono segni in vista di una seria politica climatica.

Fortunatamente i dati rilevano che il consumo globale di carbone sta diminuendo e il boom delle energie rinnovabili continua. In 31 dei 57 paesi ad alta emissione valutati, collettivamente responsabili del 90 percento delle emissioni, si registra una tendenza al ribasso delle emissioni.

La classifica del Climate Change Performance Index

Poiché in nessuno dei paesi valutati è già attivo un percorso compatibile con gli obiettivi climatici di Parigi, i primi tre posti della classifica rimangono liberi. Mentre alcuni paesi dell'UE come la Svezia (4 ° posizione), ancora una volta all'avanguardia, e la Danimarca (5 °posizione), ottengono valutazioni complessive molto alte, le prestazioni dei paesi dell'UE variano ampiamente: otto paesi dell'UE hanno un punteggio elevato, otto basso e due molto basso. La Bulgaria (49 ° posizione) e la Polonia (50 ° posizione) sono i paesi con le prestazioni peggiori dell'UE, sia con un rating politico molto basso sia la Polonia con risultati da bassi a molto bassi sulle energie rinnovabili. Il peggior performer europeo dell'anno scorso, l'Irlanda, ha migliorato la sua posizione in classifica di sette posizioni (41 °). L'Unione europea nel suo insieme è al 22 ° posto, la Germania al 23 ° (entrambi "medi"). "L'UE ha perso alcune posizione ma potrebbe risalire se dovesse seguire la raccomandazione del nuovo presidente della Commissione europea di aumentare l'obiettivo di riduzione delle emissioni dal -40% al -55% entro il 2030 rispetto al 1990 e adottare una strategia a lungo termine per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050”, afferma il Prof. Dr. Niklas Höhne del NewClimate Institute.

La Cina ha migliorato ancora una volta la sua posizione e si assesta al 30 ° posto ("medio"). La Cina ha ottenuto ottimi risultati grazie alla maggiore quota di energie rinnovabili nel mix energetico negli ultimi anni e valutazioni politiche relativamente buone, ma le scarse prestazioni in termini di emissioni ed efficienza energetica continuano a pesare. Se la Cina implementasse i suoi piani per nuove centrali elettriche a carbone, c'è il rischio di una grave ricaduta in fondo alla classifica.

Solo due paesi del G20 nella prima parte della classifica, otto in fondo

Mentre solo due paesi del G20, il Regno Unito (7 ° posizione) e l'India (9 ° posizione), sono classificati nella categoria "alta", otto paesi del G20 rimangono nella categoria peggiore dell'indice ("molto basso"). L'Australia (56 ° su 61), l'Arabia Saudita e soprattutto gli Stati Uniti hanno prestazioni particolarmente basse: gli Stati Uniti sono i peggiori. Sotto l'amministrazione Trump, gli Stati Uniti sono classificati "bassi" o "molto bassi" in quasi tutte le categorie; nella categoria politica climatica solo l'Australia ha registrato risultati peggiori, che hanno ricevuto 0 su 100 possibili punti sulla base della valutazione degli esperti climatici nel paese. "Questa valutazione basata sulla scienza dimostra ancora una volta che in particolare i grandi inquinatori del clima non fanno quasi nulla per il cambiamento di trasformazione, abbiamo bisogno di profonde riduzioni delle emissioni per ridurre la corsa a cambiamenti climatici potenzialmente irreversibili.", afferma il dott. Stephan Singer del Climate Action Network (CAN), co-editore del CCPI.


E' la prima volta che ci leggi

FOTOALBUM