I Big Bags Minini anche per l'edilizia e l'industria siderurgica

I Big Bags Minini anche per l'edilizia e l'industria siderurgica

Protagonista del mondo del packaging fin dal 1928, Minini Spa è cresciuta negli anni evolvendosi al passo con le tecnologie più innovative del settore. Core business dell’azienda i suoi Big Bag, contenitori in lamelle di polipropilene usati industrialmente per il trasporto e lo stoccaggio di materiali sfusi.

Tra i valori cardine che hanno sempre guidato l’azienda, la sostenibilità ambientale è uno dei capi saldi: per Minini essere sostenibili vuol dire vivere il cambiamento da protagonisti, anche attraverso la scelta di prodotti e tecnologie improntate al riciclo ad un miglior e più sicuro trasporto di merci pericolose.
Proprio questo principio ha portato l’azienda ad aprirsi a due nuovi settori di attività: l’edilizia e l’industria siderurgica.
Il settore edile presenta molte situazioni in cui, conseguentemente alla costruzione o demolizione di infrastrutture ed edifici, è necessario movimentare quantità notevoli di materiali di natura, dimensioni e granulosità differenti, come sabbia, cemento, terra, ghiaia, pietre, mattoni e legno; sempre con una particolare attenzione alle norme di sicurezza ambientale per lo smaltimento dei materiali dismessi.
L’industria siderurgica può naturalmente ricorrere ai Big Bag Minini lungo tutta la sua catena produttiva: dal trasporto delle materie prime come ferro e ghisa, fino al prodotto finito di piccole dimensioni.
Ma l’impegno nel settore siderurgico non si esaurisce qui: la movimentazione delle scorie e polveri frutto dei processi di fusione negli altiforni, prodotti in grandi quantità dalle industrie che producono semilavorati, metalli o laminati, può essere effettuata senza rischi con i Big Bag. Essi infatti garantiscono la massima sicurezza, rispondendo conformemente alla normativa ADR vigente per il trasporto di merci pericolose.
In risposta alle molteplici esigenze dei settori che producono materiale di scarto e scorie potenzialmente pericolose, Minini risponde con i suoi Big Bag “U-Body” - costituito da un corpo ad “U” di tessuto piano a cui vengono uniti con cuciture verticali altri due pannelli e asole di sollevamento - e “Tubular 4 bretelle” - privo di cuciture verticali perché realizzato con telai circolari, è più resistente all’umidità e più efficace nel contenere i materiali in polvere o granuli.


WEG

FOTOALBUM