CESARO MAC IMPORT Natural Attitude
CAMEC 2022
In Europa migliora l'attività di riciclaggio e compostaggio

In Europa migliora l'attività di riciclaggio e compostaggio

Nel 2011 in Europa riciclati o compostati il 40% dei rifiuti urbani. Secondo dati diffusi da Eurostat. Nel 2001 erano solo il 27%.

Nell'Unione Europea (a 27 paesi) nel 2011 sono stati prodotti 503 kg di rifiuti urbani per ogni abitante, di questi 486 kg sono stati smaltiti per il 37% in discarica, il 23% inceneriti, il 25% riciclati e il 15% sottoposti a compostaggio. Nel 2001 il 56% erano andati in discarica, il 17% inceneriti, il 17% riciclati ed il 10% compostati.

Dai dati Eurostat risultano sensibili differenze fra i vari paesi. Quello con una produzione pro-capite maggiore di rifiuti urbani è la Danimarca con 718kg, seguono Lussemburgo, Cipro e Irlanda fra 600 e 700 kg, Germania, Olanda, Malta, Austria, Italia (535), Spagna, Francia, Gran Bretagna e Finlandia con valori fra 500 e 600 kg, poi tutti gli altri.
Riguardo alle modalità di smaltimento, le percentuali più alte di trattamento in discarica sono per la Romania (99%), Bulgaria (94%), Malta (92%); l'Italia è al 49%.
Le più alte percentuali di rifiuti inceneriti sono invece in Danimarca (54%), Svezia (51%), Belgio (42%); l'Italia è al 17%.
La percentuale di rifiuti riclati più elevata si registra in Germania (45%), Irlanda (37%), Belgio (36%); l'Italia è al 21%.
Il compostaggio è effettuato in Austria (34%), Olanda (28%), Belgio (20%); l'Italia è al 13%).


Link

Allegati

Tomra autosort flake 2022