Sima dealer Lindner fiere WME Ecomed
CAMEC tecnologie riciclaggio rifiuti

L’impianto di digestione anaerobica per il riciclo della Forsu di Saliceti

L’impianto di trattamento della Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU) di Saliceti, in Comune di Vezzano Ligure entra nella fase realizzativa.

L’impianto di digestione anaerobica per il riciclo della Forsu di Saliceti

L’impianto, in Provincia di La Spezia, è destinato al trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani e della frazione “verde” (sfalci e potature), e tratterà, una volta entrato a regime, 60.000 tonnellate all’anno di materiale.

Il trattamento sarà realizzato attraverso una fase anaerobica, al chiuso e in assenza di ossigeno, che consente di produrre oltre 6 milioni di metri cubi/anno di biometano sostenibile, che sarà immesso nella normale rete di distribuzione gas e destinato all’autotrazione, e oltre 30.000 tonnellate/anno di compost di qualità che verrà utilizzato in agricoltura e nella vivaistica come biofertilizzante.

Il progetto di Recos, Gruppo Iren, prevede la collocazione dell’impianto presso il sito di Saliceti, a fianco dell’esistente impianto TMB (Trattamento Meccanico Biologico dei rifiuti indifferenziati) con il quale si determineranno sinergie gestionali, strutturali e logistiche, a costituire un vero e proprio Polo Integrato per il trattamento dei rifiuti urbani del levante Ligure, nel rispetto dei principi di prossimità e autosufficienza.

L’area di Saliceti, interamente collocata in area a destinazione industriale, presenta una superficie disponibile di 60.000 mq (per una futura area coperta di 25.000), è già ottimamente collegata con la viabilità autostradale e ferroviaria, con minimizzazione dell’impatto sulla viabilità ordinaria.

Dal punto di vista dell’impatto ambientale, tutte le attività dell’impianto, a partire dallo stoccaggio del materiale in entrata, avverranno in fabbricati chiusi dove sarà mantenuta una leggera depressione pneumatica, al fine di evitare fuoriuscite di cattivi odori; tutti gli edifici saranno comunque dotati di sistemi di purificazione dell’aria per l’abbattimento definitivo di ogni odore verso l’esterno. Anche il sistema di deodorizzazione si basa su principi di degradazione naturale delle sostanze organiche volatili ad opera di batteri che si sviluppano all’interno del biofiltro.

Si prevede una tempistica di circa due anni per la fase realizzativa e per l’avvio dell’impianto, con l’avvio della piena operatività a giugno 2026.

L’importo dei lavori ammonta a circa 69 milioni di euro, per un impianto che a regime impiegherà 20 unità di personale, oltre all’indotto.

Al sopralluogo erano presenti il governatore della Regione Liguria Giovanni Toti, l’assessore all’Ambiente Giacomo Raul Giampedrone, il presidente della Provincia Pierluigi Peracchini, il Commissario dell’Agenzia Regionale Ligure per i Rifiuti Monica Giuliano, l’amministratore delegato di Iren Paolo Emilio Signorini, il sindaco di Vezzano Ligure Massimo Bertoni, oltre ai tecnici regionali e ai responsabili di Re. Cos, società che realizzerà l’impianto.

 Fonte: Iren


CESARO nuova griglia trituratore industriale Inventhor Doppstadt recycling

FOTOALBUM