NLMK Acciaio Quard

Differenziamoci in città, Cesena riorganizza la raccolta rifiuti

Nuove soluzioni integrate, in collaborazione con Hera, nelle zone rurali e nelle aree artigianali

Il 2013 è un anno cruciale per lo sviluppo dei nuovi sistemi di raccolta integrata dei rifiuti a Cesena, secondo il programma approvato nel dicembre scorso dalla Giunta comunale, che prevede l'estensione  del sistema di raccolta domiciliare dei rifiuti "porta a porta" a tutte le aree urbane del territorio comunale e il potenziamento della raccolta differenziata nelle aree rurali, con l'obiettivo di superare il 65% della raccolta differenziata (obiettivo di legge minimo fissato per tutti i Comuni).
Nel 2013 circa 45.000 abitanti e 2.500 attività economiche saranno interessate dall'avvio di due progetti integrati: l'estensione del servizio "porta a porta" alle aree urbane dei quartieri Borello, Valle Savio e Dismano e il potenziamento della raccolta differenziata nelle aree rurali e nelle aree artigianali.
E mentre sono già partiti i primi incontri nei tre quartieri interessati, per prepararsi all'avvio del sistema  'porta a porta' (previsto per fine estate), sono pronte a decollare la riorganizzazione della raccolta dei rifiuti nelle zone rurali e nelle aree artigianali.

Miglioramento della qualità dei materiali raccolti nelle aree artigianali
Nelle Zone Industriali verranno mantenuti i cassonetti stradali ma verrà soppressa la raccolta "Multimateriale" in cui in un unico contenitore confluivano molte tipologie di materiali, per far posto alla tradizionale raccolta "Monomateriale" (carta, plastica-lattine, vetro). Questa divisione a monte permetterà di recuperare e quindi riciclare i materiali con maggiore efficacia ed efficienza. I servizi dedicati alle imprese che hanno particolari necessità (nelle aree private), rimangono invariati.

Riorganizzazione della raccolta dei rifiuti nelle zone rurali
Parallelamente al progressivo allargamento dei sistemi di raccolta domiciliare di indifferenziato e organico nelle zone urbane, verrà riorganizzata la gestione dei rifiuti domestici in tutte le zone rurali del territorio comunale.
Dal 15 maggio 2013 fino a metà estate, personale incaricato di Hera distribuirà a tutti i cesenati che risiedono in campagna un kit di eco-borse e del materiale informativo per agevolare la raccolta differenziata dei rifiuti in queste aree.
Da maggio fino a fine anno, avverrà una progressiva riorganizzazione e ridistribuzione delle postazioni di cassonetti stradali nelle zone rurali, in modo che in ogni isola sia possibile conferire separatamente carta, vetro, plastica e lattine, oltre al rifiuto indifferenziato. Se fino ad oggi in campagna non vi è stata la possibilità di conferire materiali in modo separato, dopo questa riorganizzazione conferire i rifiuti in modo differenziato sarà più comodo e agevole.

La raccolta stradale dell'organico (in zone rurali) sarà invece soppressa per evitare che grossi camion percorrano molti chilometri per raccogliere pochi kg di rifiuto. I rifiuti organici biodegradabili (residui alimentari, bucce, sfalci, foglie ecc.) potranno essere smaltiti tramite il compostaggio domestico, una pratica molto semplice da realizzare per chi abita in campagna e con grandi vantaggi ambientali ed economici per il singolo e la comunità. Tale pratica è effettuata grazie alla collocazione di unacompostiera nel proprio orto o giardino privato che permette di trasformare gli scarti biodegradabili in terriccio fertile tramite processi naturali attivati da microrganismi già presenti nel terreno.
In questo modo si eviterà di buttare nei cassonetti (e quindi smaltire in discarica o inceneritore), rifiuto organico umido facilmente recuperabile.

Chi smaltisce il rifiuto biodegradabile con il compostaggio domestico ha inoltre diritto ad uno sconto di € 5.16 sulla bolletta a componente del nucleo familiare.
Per agevolare e diffondere questa buona abitudine di perfetta ecologia (dalla terra alla tavola e poi di nuovo alla terra) si renderanno disponibili gratuitamente compostiere per tutte le utenze che hanno un terreno privato (orto-giardino) di dimensioni sufficienti.


Ecomondo 2019