NLMK Acciaio Quard

“Separare i rifiuti dai servizi, la Tares va modificata”

Parere unanime della Commissione ambiente della Camera

Separare la tassa sui rifiuti da quella per finanziare i servizi indivisibili forniti dai Comuni. La richiesta, da tempo avanzata da Federambiente e dalle imprese d’igiene ambientale che garantiscono la raccolta e il trattamento dei rifiuti urbani, è stata fatta propria dalla neocostituita Commissione ambiente della Camera dei deputati, che ha approvato all’unanimità il parere al decreto sul pagamento dei debiti delle pubbliche amministrazioni come formulato dalla relatrice, on. Raffaella Mariani.
Ribadendo la richiesta del rispetto del principio “chi inquina paga”, la Commissione ambiente della Camera ha deciso di concedere parere favorevole al decreto del governo solo a patto che l’entrata in vigore della Tares venga differita almeno al prossimo anno, in modo da poter prima rivedere i criteri di calcolo del nuovo tributo sui rifiuti semplificando le procedure di pagamento.
Federambiente esprime soddisfazione per la chiara presa di posizione della Commissione ambiente della Camera, auspica che analoga attenzione al problema venga ora mostrata dalla Commissione bilancio, cui compete il parere finale sul decreto, e torna a chiedere a governo e Parlamento di porre mano a una revisione della normativa che, accantonando soluzioni tanto fantasiose quanto farraginose e fonte di complicazioni e contenziosi per cittadini, aziende ed enti locali, garantisca in modo certo e applicabile i flussi di finanziamento indispensabili per la qualità e la continuità del servizio di gestione dei rifiuti urbani.


Ecomondo 2019