CAMEC 2021

Una nuova soluzione per smaltire le batterie al piombo

Firmato l’accordo tra il Consorzio Medio Novarese e il Consorzio Remedia per il corretto smaltimento degli accumulatori al piombo.

Il Consorzio Gestione Rifiuti Medio Novarese che riunisce i Comuni della zona nord della provincia di Novara ha firmato nei giorni scorsi un accordo con il Consorzio Remedia, consorzio nazionale no-profit per il riciclo dei rifiuti tecnologici, come RAEE, moduli fotovoltaici a fine vita, pile portatili e accumulatori al piombo esausti.
Tutti i cittadini potranno infatti portare, presso il proprio centro di raccolta comunale, gli accumulatori al piombo (ad esempio, batterie per auto o motoveicoli) esausti. Il servizio è gratuito e soprattutto garantisce la salvaguardia dell’ambiente e un’interessante opportunità di riciclo. Gli accumulatori al piombo, se non smaltiti correttamente, possono essere infatti fonte di inquinamento: una comune batteria per auto, anche quando è esaurita, contiene acido solforico e piombo, che possono contaminare terreni e falde acquifere. Tali materiali invece, se trattati in modo corretto, hanno una grande potenzialità perché, insieme alla plastica, possono essere riciclati. Il piombo, ad esempio, viene riutilizzato per la produzione di altre batterie o nel settore elettromedicale, mentre dalla plastica
possono essere creati contenitori o nuovi involucri esterni degli accumulatori.
I cittadini, nei prossimi giorni, troveranno nei centri di raccolta, negli uffici comunali e del consorzio e nei negozi specializzati, una simpatica cartolina promossa dal Consorzio Remedia, per informarli e sensibilizzarli della campagna promozionale “Non cercare soluzioni alternative”. Per conoscere indirizzi e orari di apertura dei centri di raccolta comunali, oltre ad ulteriori informazioni sulle modalità di smaltimento delle batterie al piombo, è possibile visitare il sito www.remediapervoi.it.
“Gli accumulatori al piombo esausti sono una tipologia di rifiuto che richiede una particolare attenzione nello smaltimento –afferma l’Ingegner Diego Sozzani, Presidente del Consorzio Medio Novarese-. Non sempre i cittadini sono a conoscenza dei potenziali rischi dei rifiuti e parallelamente della possibilità offerte dai centri di raccolta. Per questo l’accordo con Remedia e la campagna di comunicazione sono quanto mai utili”.
“Siamo molto soddisfatti dell’intesa raggiunta con il Consorzio Medio Novarese, un bell’esempio di sinergia per tante altre realtà territoriali - spiega il direttore generale di ReMedia, Danilo Bonato - Si tratta di una tappa importante del nostro progetto che stiamo cercando di estendere a quanti più territori in Italia, perché crediamo che un corretto smaltimento degli accumulatori al piombo sia un passo necessario per la salvaguardia dell’ambiente”.


Minini Big Bag