Camec

Protocollo d’Intesa sul trattamento dei rottami di vetro

E' stato firmato dal Presidente FISE UNIRE, Corrado Scapino, dal Presidente GMR, Pierluigi Galli, dal Presidente Assovetro, MassimoNoviello, e dal Presidente della Sezione Vetro Cavo di Assovetro, Giuseppe Pastorino, il Protocollo d'Intesa sul trattamento dei rottami di vetro.

Il Protocollo si pone l’obiettivo di garantire un’elevata qualità del rottame divetro “pronto al forno” grazie ad una serie di implementazioni tecnologiche e monitoraggi in tutte le fasi della catena di gestione: dall’organizzazione della raccolta, al trattamento del rifiuto vetroso, fino alla fase di ottenimento delrottame “pronto al forno”. Questo, affinché si creino le condizioni per il pieno rispetto della normativa, che prevede specifiche caratteristiche qualitative del rottame. In particolare, scopo del Protocollo è quello di favorire la riduzione della presenza di metalli pesanti, come il piombo, all’interno dei rottami di vetro “pronto al forno”.

A tal fine, il Protocollo prevede una serie di impegni ed azioni a carico delleparti:

  • Un obbligo generale di entrambi i Sottoscrittori di promuovere e di incentivare los viluppo di sistemi di raccolta atti a favorire il miglioramento della qualità del rottame di vetro destinato al trattamento e alla selezione, nonché di sviluppare un’attività di monitoraggio di tutte le fasi a monte degli impianti dei recuperatori;
  • L’obbligo da parte di FISE UNIRE/GMR di garantire che i trattatori sifacciano carico di eseguire attività di implementazione e miglioramento della selezione del rottame e di verifica dell’efficacia di tali attività, nonché attività di verifica puntuale sull’organizzazione, sulle modalità ditrattamento e sui criteri di conferimento del rottame di vetro;
  • L’obbligo a carico di Assovetro di verifica puntuale sul rottame “pronto al forno” fornito dai Recuperatori, al fine di monitorare il livello qualitativo del rottame conferito, nonchè di promozione, tra i propriassociati, dei processi industriali finalizzati al miglioramento costantedella qualità di prodotto.

La Stazione Sperimentale del Vetro è stata individuata quale organismo tecnico cui affidare prioritariamente, anche se non in via esclusiva, lo svolgimento delle attività di analisi e monitoraggio previste dal Protocollo.


Link

HARDOX SSAB