Hera, rifiuti ingombranti: raccolta in aumento del 15%

Tramite i servizi sul territorio cresce il recupero di mobili, poltrone e sfalci verdi. In tutta l’area servita dalla multiutility a giugno 2013 raccolte 120.000 tonnellate.

Sedie, tavoli, materassi, elettrodomestici: i rifiuti ingombranti sono quelli che per tipo, dimensione e peso non possono essere inseriti nei normali cassonetti, ma dovrebbero essere conferiti in maniera differenziata, anche per permetterne il giusto riciclo di alcune componenti, attraverso i servizi che Hera mette a disposizione sul territorio, in particolare: le stazioni ecologiche e il servizio di ritiro gratuito a domicilio.

Anche i rifiuti verdi, sfalci e potature, devono essere conferiti e raccolti in maniera differenziata, per essere trasformati in compost di qualità, utilizzato per fertilizzare i terreni. Oltre alla stazione ecologica, questi rifiuti, in alcuni territori, possono essere conferiti al servizio di ritiro gratuito a domicilio degli ingombranti.

E le quantità raccolte con queste modalità sono in aumento: in questi primi sei mesi del 2013, in tutto il territorio servito dalla multiutility, sono state raccolte 120.000 tonnellate di rifiuti ingombranti (in questo dato non sono compresi i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), di cui 99.000 relative a sfalci e potature. Rispetto al 2012, quando nell’intero anno sono state raccolte 209.000 tonnellate di ingombranti, questi primi sei mesi del 2013 fanno quindi registrare un + 15% nella media mensile.

Nella sola città di Bologna, da gennaio a giugno di quest’anno, sono state raccolte oltre 2.000 tonnellate di rifiuti ingombranti e 84 tonnellate di rifiuti verdi.


SUM 2018