Camec
Vaglio mobile Hextra Ecostar

Teolo: risultati di eccellenza nella raccolta differenziata nel 2012 supera il 76%

Virtuosi i cittadini del Comune padovano per quanto riguarda la raccolta differenziata.

Nel 2012, infatti, il comune padovano ha raggiunto la notevole percentuale del 75,9%, cifra che sale ancora, portandosi al 76,5% se consideriamo anche il compostaggio domestico. Dati di eccellenza e in continua crescita: nel 2010, infatti, la percentuale, incluso il compostaggio domestico era il 73,7%, salita nel 2011 al 74,5%, aumentando ancora nel 2012 di due punti percentuali.

«Sono circa 77 tonnellate in più di rifiuti che sono stati differenziati rispetto all’anno precedente che dimostrano concretamente come a Teolo tutti i cittadini abbiano un’alta coscienza ambientale - commenta l’Assessore all’Ambiente Nevio Sanvido - Ma credo che questo risultato premi anche l’impegno del Comune, che per rendere più facile l’impegno quotidiano nel differenziare sempre più sempre meglio ha messo in campo tutte le risorse e le strategie e le modalità possibili».
«Abbiamo sempre dimostrato una particolare attenzione al rispetto per l’ambiente, e Teolo ha aderito a EMAS (Eco-Management and Audit Scheme), uno strumento volontario creato dalla Comunità Europea che permette di valutare e migliorare le prestazioni ambientali. – continua il Consigliere Delegato alle Certificazioni Ambientali Matteo Turetta - Inoltre, da molti anni abbiamo aderito al Patto dei Sindaci, pianificando insieme agli altri Amministratori obiettivi che puntano a migliorare ulteriormente la percentuale di raccolta differenziata. In questo nostro percorso siamo sempre stati supportati da Etra, che ci ha affiancato con le diverse campagne informative e di controllo. Campagne che intendiamo intensificare il prossimo anno per portare i nostri cittadini a ridurre ulteriormente i rifiuti indifferenziati».

«Il Comune euganeo è sempre in prima linea quando si tratta di attivare campagne informative e di sensibilizzazione o servizi che amplino il range dei materiali conferibili – spiega Manuela Lanzarin presidente del Consiglio di sorveglianza di Etra – Penso per esempio a “Umido pulito”, per migliorare la qualità della frazione organica e alla campagna “Plastica o secco?”, che punta a togliere gli eventuali dubbi su quale siano i materiali da conferire nella plastica. Ma anche a “Non siamo solo fritti”, per il conferimento al servizio pubblico degli oli domestici, che a Teolo si possono conferire in ben quattro punti sul territorio. Quando la raccolta diventa più facile e più comoda i risultati sono concreti e presto visibili».

Eccellenti i risultati anche se confrontati a quelli medi di Etra, ai vertici nazionali da molti anni per i successi nella raccolta differenziata. Tra i 64 Comuni serviti da Etra, Teolo si è classificato al 4°posto se consideriamo la percentuale senza compostaggio domestico e all'11°posto se includiamo anche il compostaggio domestico. Supera quindi la media di Etra, che si attesta per il 2012 al 70,8% (compreso il compostaggio domestico), ma anche l’obiettivo fissato dalla legge 152 del 2006: che impone di raggiungere il 65% di raccolta differenziata entro il 2012. È una percentuale che permette di toccare con un anticipo di ben otto anni anche un altro traguardo, quello fissato dalla Giunta regionale che impone di raggiungere quota 70% entro il 2020.

Nel 2012 ogni cittadino ha prodotto in media 327,7 chilogrammi di rifiuto differenziato e 112,1 chilogrammi di rifiuto indifferenziato, per un totale di 440,5 chilogrammi ad abitante di rifiuto complessivo. «Il nuovo fronte è quello della riduzione del rifiuto, riciclabile e non – spiega Stefano Svegliado, presidente del Consiglio di gestione dell’azienda – È importante non solo differenziare al meglio i rifiuti ma anche saperli ridurre a monte. Fedeli alla filosofia “Meno è meglio”, proseguiremo il nostro impegno per un futuro sostenibile garantendo anche un miglioramento costante del servizio offerto ai cittadini».


Minini