Camec
Collaudato il nuovo impianto I.T.R per la selezione automatica HDPE-PET

Collaudato il nuovo impianto I.T.R per la selezione automatica HDPE-PET

L’impianto si sviluppa a seguito di una linea esistente di pretrattamento del materiale provvista di aprisacco-dosatore, vaglio rotante, separatore balistico, separatore di metalli ferrosi e non ferrosi

Nasce nel 1978 a Spresiano (Tv) con l’obiettivo principale di diventare un’azienda di riferimento per il settore delle tecnologie di trattamento dell’aria. Dopo trentacinque anni di esperienza in questo settore, che gli hanno permesso di collocarsi tra le principali società italiane leader, nello sviluppo e nella produzione di impianti industriali di aspirazione ed abbattimento di sostanze inquinanti, oggi, il Gruppo O.M.A.R. attraverso la divisione aziendale I.T.R. (Impianti Trattamento Rifiuti), opera anche nel settore del riciclaggio sviluppando e progettando innovativi impianti di trattamento rifiuti industriali e urbani.

Il principale motivo che spinge I.T.R. verso il processo dell’innovazione caratterizzato dalla valorizzazione del recupero. Principalmente le Green Solutions rappresentano delle soluzioni mirate a valorizzare il rifiuto e il recupero industriale e urbano per la trasformazione in valore economico, raggiungibile attraverso la commercializzazione dei materiali ricavati dalle fasi di gestione del recupero. L’azienda si presenta ai clienti non solo come un semplice fornitore di impianti di riciclaggio, ma soprattutto come un partner strategico per migliorare i processi di trasformazione e convertirli in un proficuo guadagno grazie alla scelta degli impianti corretti o al miglioramento degli stessi.

Tra questi, I.T.R. ha collaudato da poco un nuovo impianto di selezione automatica degli imballaggi in plastica. L’impianto si sviluppa a seguito di una linea esistente di pretrattamento del materiale provvista di aprisacco-dosatore, vaglio rotante, separatore balistico, separatore di metalli ferrosi e non ferrosi. Il  materiale a seguito del pretrattamento viene inviato ad un primo lettore ottico Polysort con doppia barra di espulsione prodotti in grado di separare in positivo i prodotti HDPE e PET; in negativo rimane un materiale Plasmix che viene inviato ad un controllo manuale. Il materiale PET selezionato in positivo dal primo lettore ottico, viene inviato ad un secondo lettore ottico Colorsort che provvede alla selezione in positivo del PET trasparente; il restante materiale negativo viene inviato ad un terzo selettore ottico Colorsort con doppia barra di espulsione per la selezione in automatico del PET azzurrato e del PET colorato. Tutti i materiali selezionati in positivo dai lettori ottici confluiscono su dei trasportatori per l’eventuale controllo manuale del prodotto, prima dello stoccaggio nei relativi box di stoccaggio ed immagazzinamento, dove si provvederà alla successiva fase di pressatura per singolo prodotto.


Link

HARDOX SSAB

FOTOALBUM