Camec

IFAT 2020: aumenta l’area esterna

La fiera per le tecnologie ambientali più grande del mondo in programma il prossimo anno fa segnare un nuovo record.

IFAT 2020: aumenta l’area esterna

La registrazione degli espositori principali alla fiera IFAT 2020 si è conclusa a fine aprile con un’ottima risposta da parte delle aziende espositrici. Messe München reagisce alla grande richiesta ampliando la superficie espositiva di 10.000 metri quadrati. La fiera leader nel mondo per la gestione dell'acqua, delle acque reflue, dei rifiuti e delle materie prime, in programma dal 4 all'8 maggio 2020, tocca così una superficie record di 270.000 metri quadrati.
L'amministratore delegato Stefan Rummel commenta: "La grande richiesta da parte degli espositori ci ha convinti ad ampliare la superficie dell’IFAT 2020. Aggiungendo 10.000 metri quadrati all’esterno dimostriamo di tenere conto dell'importanza delle tecnologie ambientali per lo sviluppo della nostra economia e della nostra società".

Chiusura dei cicli delle materie prime
Gli organizzatori dell’IFAT faranno leva sulla nuova superficie record per promuovere prodotti innovativi e mostrare esempi concreti di applicazioni pensate per chiudere i cicli delle materie prime. Rummel precisa: "Per la prima volta accorperemo i segmenti espositivi Gestione degli inquinanti, Tecnologia di demolizione e trattamento e Costruzione di strade. In questo modo dimostriamo in che modo è possibile chiudere il ciclo dei rifiuti da costruzione e demolizione e ampliare l’offerta per i visitatori che lavorano per le municipalizzate".
La nuova area speciale è interessante soprattutto per gli espositori dei settori delle costruzioni in superficie e sotterranee e si concentra sulla costruzione sostenibile delle strade. Le aziende che desiderano esporre in questa area, possono registrarsi fino alla fine dell’anno.

Incentivare l’innovazione
Anche le start-up e gli istituti di ricerca che desiderano esporre nell’area speciale experience.science.future. hanno ancora tempo per prendere una decisione: è possibile registrarsi dal 17 luglio al 22 gennaio 2020. La piattaforma del futuro pensata per i pionieri e i talenti di domani del settore è stata organizzata per la prima volta nel 2018 dimostrandosi uno straordinario catalizzatore di idee, per cui verrà riproposta il prossimo anno.
"Attraverso experience.science.future. offriamo alle aziende più giovani e ai think tank l’opportunità di affermarsi su un mercato promettente e di fare rete con potenziali partner e investitori. Così anche nel 2020 non mancheranno nuove idee e ispirazioni", ha concluso Rummel.


HARDOX SSAB