Camec 2023
CESARO MAC IMPORT macchine e impianti per l'ambiente recycling
Ciò che serve per chiudere il ciclo

Ciò che serve per chiudere il ciclo

In occasione di IFAT, TOMRA ha tenuto una conferenza stampa in cui il management ha illustrato le azioni che la società sta compiendo per raggiungere gli obiettivi europei al 2050: investimenti per soluzioni circolari, tecnologie per massimizzare il recupero e il riciclo. Serve però coraggio nelle istituzioni che devono investire per migliorare la circolarità in tutti i flussi di materiali (plastica, metalli e legno in primis) e per superare le attuali difficoltà della catena di approvvigionamento.

"Abbiamo l'obbligo di lavorare con tutte le parti interessate per ridurre le montagne di rifiuti e trasformarle nelle preziose risorse che sono", ha dichiarato Tove Andersen, CEO e Presidente di TOMRA, durante la conferenza stampa tenutasi a IFAT. Nonostante i notevoli progressi compiuti nel campo del riciclo, la pandemia e la guerra in corso in Europa hanno dimostrato l'urgenza di ridurre la dipendenza dalle materie prime. "Oggi investiamo circa il 10% del nostro fatturato in attività orientate al futuro per aumentare l'efficienza delle risorse, facendo progredire il mercato delle soluzioni circolari, cosa che siamo nella posizione di fare. Disponiamo di una tecnologia in grado di massimizzare i tassi di raccolta e recupero. Possiamo agire ora, ottimizzare le pratiche di gestione dei rifiuti e colmare le lacune esistenti", conclude Tove Andersen.

Dopo aver stabilito degli standard di riferimento per la politica climatica a livello mondiale, il Green Deal europeo guida l'accelerazione verso un'economia circolare, coadiuvato dai regolamenti e dalle linee guida vincolanti per produttori e fabbricanti. TOMRA esorta tutti i partecipanti alla filiera a considerare queste indicazioni come un'opportunità e a sostenerne l'attuazione. "Abbiamo imparato che la legislazione obbligatoria è necessaria per raggiungere gli obiettivi e creare mercati", spiega Volker Rehrmann, vicepresidente senior e responsabile di TOMRA Recycling/Mining e Circular Economy. "Tuttavia, prima di poter riciclare volumi maggiori, dobbiamo raccogliere il più possibile. Esistono sistemi di raccolta ben funzionanti, ma non sono ancora sufficienti.  Ogni giorno perdiamo risorse preziose nelle discariche e negli inceneritori, dove vengono sepolte e bruciate. È un potenziale enorme e a portata di mano da raccogliere, recuperare e riciclare".

I sistemi olistici delle risorse sono una combinazione ideale di regolamenti quadro politici, come la responsabilità estesa del produttore, i sistemi di restituzione e i processi tecnici per la gestione dei rifiuti.  Il risultato è chiaro, spiega Rehrmann:

• I sistemi di restituzione dei depositi per bottiglie in PET e contenitori per bevande in metallo, che forniscono un tasso di restituzione superiore al 90%, dovrebbero svolgere un ruolo centrale in tale sistema.

•  La raccolta differenziata di rifiuti organici, carta, tessuti e apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) consente di riciclare questi materiali per il massimo beneficio in termini di emissioni di carbonio. Sebbene le raccolte separate siano una parte intrinseca delle risorse olistiche, i tassi di acquisizione anche nelle migliori pratiche non sono abbastanza buoni. Sarà sempre necessaria un'ulteriore cernita della frazione di rifiuti residua.

• La raccolta differenziata genera tassi di raccolta e riciclaggio al di sopra e al di là di quelli che gli altri elementi possono fornire. L'incenerimento o il conferimento in discarica di plastica e altri materiali ad alto contenuto di carbonio generano inutili emissioni di gas serra. La raccolta differenziata riduce tali emissioni e restituisce più materiali al sistema per la realizzazione in nuovi prodotti. La RD deve essere considerata una priorità di investimento ora, in quanto garantisce che i sistemi di gestione dei rifiuti raccolgano quante più risorse possibili per il riciclaggio.

La massimizzazione della circolarità dei materiali non si limita alla plastica; ci sono altri flussi su cui chiudere il cerchio, come i metalli e il legno. "Dobbiamo prestare la stessa attenzione a questi materiali riciclabili per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di neutralità climatica fissati dall'UE per il 2050", ha dichiarato Tom Eng, Senior Vice President e responsabile di TOMRA Recycling. Ad esempio, si prevede che la domanda di alluminio crescerà del 40% entro il 2050, una sfida per i produttori con capacità produttive limitate in Europa. La buona notizia è che l'alluminio riciclato svolge un ruolo fondamentale nel percorso verso un mondo decarbonizzato e aiuta i produttori ad aumentare il contenuto riciclato, rispettando i loro impegni ambientali. Uno scenario simile si può osservare nel settore del legno: i produttori di pannelli truciolari sono alla ricerca di un modo economico ed ecologico per approvvigionarsi di materiali la cui disponibilità è attualmente limitata e con prezzi alle stelle. L'utilizzo di materiale riciclato nella creazione di prodotti a base di legno o metallo ha aiutato i produttori a superare queste sfide, riducendo al contempo le emissioni di gas serra e l'esaurimento delle risorse.

"Se sfruttiamo la potenza delle tecnologie intelligenti e collaboriamo strettamente con l'industria, possiamo trasformare i rifiuti in valore e ridurre la dipendenza dalle materie prime. Il riciclo è un importante fattore di mitigazione del clima e un percorso di efficienza energetica fondamentale per sostenere una transizione sostenibile, mantenendo i materiali in uso continuo. Qualunque cosa sia necessaria per chiudere il cerchio, ci arriveremo", ha concluso Tom Eng.


Link

SATRINDTECH trituratori industriali per il recycling