CAMEC 2022
CESARO MAC IMPORT

Il futuro dell’autodemolizione tra transizione ecologica e complessità normativa

Il futuro dell’autodemolizione in Italia e l’impatto sul settore della transizione ecologica e delle nuove normative sono stati al centro della seconda edizione dell’ADA Premium Event 2022.

Il futuro dell’autodemolizione tra transizione ecologica e complessità normativa

Si è svolta a Modena la seconda edizione dell’ADA Premium Event, in cui è stato presentato un innovativo sistema di autocontrollo per gli operatori.

L’Associazione Demolitori di Autoveicoli che aderisce ad Assoambiente ha chiamato a raccolta il mondo dell’autodemolizione, promuovendo il confronto tra rappresentanti delle Istituzioni nazionali e locali, operatori ed esperti del settore sulle sfide future di un comparto pilastro dell’economia circolare.

In apertura sono stati ricordati alcuni dati relativi al settore: in Italia sono circa 1.450 gli autodemolitori che gestiscono 1 milione e 200mila veicoli a fine vita, trattando 1,3 milioni di tonnellate di materiali. La Direttiva Europea fissa degli obiettivi di riuso/riciclo all'85% del peso dei veicoli demoliti, più un 10% da avviare al recupero energetico. In Italia, seppure con fatica, il target dell'85% è stato finalmente raggiunto nel 2019, manca invece la quota di recupero energetico.

La prima sessione dei lavori è stata dedicata alla "Crescita professionale: controlli e autocontrolli”, con la presentazione di un innovativo sistema di autocontrollo per gli impianti, commissionato da ADA e realizzato dalla società ECO EURO.

un agile strumento digitale in grado supportare ed orientare gli operatori nel mare magnum degli adempimenti normativi previsti per il settore. Grazie a questo Audit digitale di Autocontrollo, l’impianto di autodemolizione può verificare costantemente e in modo semplice il proprio stato di congruità alle differenti prescrizioni amministrative e in materia di Albo gestori ambientali, garanzie fidejussorie, sicurezza sul lavoro e antincendio, presa in carica del veicolo, bonifica, parti di ricambio, formulario rifiuti e molto altro. Compilando online in pochi minuti i form presenti nel sistema sarà possibile prevenire infrazioni, efficientare i processi ed evitare disattenzioni che spesso possono causare sanzioni e fermo dell’impianto” ha commentato il Presidente ADA – Anselmo Calò a margine della presentazione.

Il sistema è disponibile per gli associati ADA, circa 230 operatori che gestiscono e recuperano oltre il 30% dei veicoli a fine vita in Italia, direttamente sul sito dell’Associazione.

Dopo un approfondimento sulla normativa del settore, l’ultima sessione si è focalizzata sul tema della “Transizione Ecologica per gli autoveicoli”, anche alla luce delle recenti decisioni europee prese con il “FIT for 55”.

Il talk condotto dal Presidente dell'ADA ha visto gli interventi di Mauro Bonaretti – Capo Dipartimento Mobilità Sostenibile del MIMS, Andrea Saccone – Toyota, Massimiliano Corsano – Carabinieri per la Tutela Ambientale e la Transizione Ecologica e Antonio Cernicchiaro dell'UNRAE,

La transizione verso l’auto elettrica è destinata ad avere un significativo impatto sul futuro del business dell’autodemolizione” ha sottolineato Calò nel proprio intervento: “I veicoli elettrici a fine vita peseranno meno, avranno meno componenti da vendere per il riutilizzo da parte degli autodemolitori e offriranno meno materiali da recuperare. In tutto stimiamo un 30% in meno di peso del rottame, con azzeramento della vendita per il riuso di motori, cambi e trasmissioni che oggi costituiscono una fonte significativa di fatturato per gli impianti di demolizione. Restano dubbi sulla riutilizzabilità e riciclabilità della batteria, mentre invece appare chiaro che la bonifica del veicolo sarà più semplice e meno dispendiosa. In questo quadro i costi per le attività di demolizione dei veicoli dovrebbero aumentare notevolmente e questo impone un serio ripensamento sulla responsabilità dell'industria automotive per il fine vita dei veicoli; una questione che a Bruxelles è all'ordine del giorno e di questo ne siamo felici”.

L’evento ADA è stato preceduto dal meeting organizzato da EGARA, l'associazione europea degli autodemolitori cui la stessa ADA aderisce.


TOMRA X-TRACT METALLI