VTN Europe. A different way

Lotta ai gas serra con l'emendamento Kigali

L'emendamento Kigali al protocollo di Montreal ridurrà la produzione prevista e il consumo di idrofluorocarburi (HFC) di oltre l'80% nei prossimi 30 anni.

Lotta ai gas serra con l'emendamento Kigali

Il mondo ha compiuto un passo importante sulla strada per ridurre drasticamente la produzione e il consumo di potenti gas serra noti come idrofluorocarburi (HFC) e limitare il riscaldamento globale, con l'emendamento Kigali al Protocollo di Montreal sulle sostanze che riducono lo strato di ozono entrando in vigore il 1° gennaio 2019.

Se pienamente sostenuto dai governi, dal settore privato e dai cittadini, l'emendamento Kigali eviterà fino a 0,4° C di riscaldamento globale nel corso di questo secolo continuando a proteggere lo strato di ozono. L'emendamento contribuirà sostanzialmente agli obiettivi dell'accordo di Parigi.

Gli HFC sono composti organici frequentemente utilizzati come refrigeranti nei condizionatori d'aria e altri dispositivi come alternative alle sostanze che riducono lo strato di ozono controllate dal protocollo di Montreal.  Gli HFC stessi sono gas a effetto serra estremamente potenti con potenziali di riscaldamento globale che possono essere molte volte superiori al biossido di carbonio.

Le parti dell'emendamento hanno messo in atto modalità pratiche per la sua attuazione, compresi accordi sulle tecnologie per la distruzione di HFC e nuovi requisiti e strumenti di segnalazione dei dati. L'emendamento include disposizioni per il rafforzamento delle capacità dei paesi in via di sviluppo, il rafforzamento istituzionale e lo sviluppo di strategie nazionali per ridurre gli HFC e sostituirli con alternative. La graduale riduzione degli HFC nell'ambito dell'emendamento Kigali può anche aprire una finestra per riprogettare le apparecchiature di raffreddamento che sono più efficienti dal punto di vista energetico, aumentando ulteriormente i guadagni climatici.

L'attuazione dei nuovi obiettivi definiti nell'emendamento sarà effettuata in tre fasi, con un gruppo di paesi sviluppati che avvia gli HFC in modo graduale dal 2019. I paesi in via di sviluppo seguiranno con il congelamento dei livelli di consumo di HFC nel 2024 e con alcuni paesi che congelano il consumo nel 2028. 

Ratificato da 65 paesi finora, l'emendamento Kigali si basa sul retaggio storico del protocollo di Montreal concordato nel 1987. Il Protocollo e i suoi precedenti emendamenti, che richiedono la graduale eliminazione della produzione e del consumo di sostanze che causano l'impoverimento dell'ozono, sono stati universalmente ratificati da 197 partiti.

L'ampio sostegno e attuazione del protocollo di Montreal ha portato all'eliminazione graduale di oltre il 99% di quasi 100 sostanze chimiche che riducono l'ozono e ha contribuito in modo significativo alla mitigazione dei cambiamenti climatici.

Le prove presentate nell'ultima valutazione scientifica  sull'assottigliamento dello strato di ozono mostrano che lo strato di ozono in parti della stratosfera si è ripreso a un tasso dell'1-3% per decennio dal 2000. Ai livelli previsti, l'emisfero settentrionale e l'ozono a latitudine media si prevede che "guariscano" completamente entro il 2030 seguita dall'emisfero australe nel 2050 e dalle regioni polari entro il 2060.

LEGGI ANCHE: DOVE SI TROVANO GLI IDROFLUOROCARBURI (HFC)


Sardinia Symposium 2019